Monopoli e Risiko per Ph.D. annoiati

Ehi, ciao. Non ci si vede da un po’ perché inizio giugno sono stato rapito dagli alieni e poi ho dovuto fare le carte per rientrare in Italia. Nel frattempo sono successe tante cose che salteremo a piè pari, giusto per parlare subito dei temi che contano. Per esempio, i giochi in scatola politici, delle sottospecie di Monopoli che parlano di razzismo, urbanismo e comunismo. Di seguito un breve estratto:

(…) Anche Lotta di Classe – che ebbe enorme successo anche in Europa, soprattutto in Italia dov’era distribuito da Mondadori – segue il modello del Monopoli ma i giocatori devono farsi strada di casella in casella tra le mille ingiustizie e soprusi del capitalismo e i mille doveri della lotta di classe – la quale, dopo aver perso miseramente al tavolo forse diventa allettante. Ha quindi una funzione diddattica: insegnare la natura oscura del capitale e preparare i giocatori a – per l’appunto – la lotta di classe. Ollman, intervistato recentemente da Cabinet, ha raccontato come la sua idea non fosse poi così originale, visto che la prima versione del Monopoli originale, realizzata da Elizabeth Magie, fosse animata da un forte spirito anti-capitalista. Il gioco doveva chiamarsi Landlord (padrone di casa) e in una versione del 1925 – prima della sua commercializzazione, avvenuta nel 1933 – conteneva un libretto d’iscrizioni piuttosto battagliero, in cui si potevano leggere frasi come «il Monopoly [sic] è stato progettato per mettere in luce tutto il male causato dalla proprietà privata».

 

(Il resto lo potete leggere su Studio)

Lascia un commento

Archiviato in cultura

Fare soldi con i meme

Image

Sul sito di Studio, un viaggio sugli impresari dei meme, quelli che fanno da manager per Nyan Cat, Scumbag Steve & Co., facendo affari con le multinazionali.

(…) Nati come divertimento spontaneo in seno a una sottocultura di nicchia, oggi i meme sono di tutti e per tutti. E sono diventati una miniera d’oro. Nyan Cat – un gatto psichedelico tra i più virali del web – non è solo “famoso in rete”: è una vera star, online e offline. E come tutte le star potrebbe cominciare a chiedere cachet pesantucci e ad assumere un manager. Sta già succedendo: Ben Lashesè un musicista di Portland, in Oregon, che ha cominciato a “curare” i diritti e lo sfruttamento dell’immagine di alcuni tra queste “star” come il già citato Nyan Cat, Keyboard Cat (un gattino vestito d’azzurro intento a suonare una pianola) e Scumbag Steve (un ragazzo dall’espressione scazzata diventato simbolo di qualsiasi comportamento scorretto o pigro). In circa due anni, come racconta David Sax su Bloomberg Businessweek, Lashes ha dato in licenza questi prodotti ad aziende come Nike, Nokia e Lipton, che li hanno utilizzati per promozione e pubblicità. Insieme a Chris Torres, il creatore di Nyan Cat, ha anche firmato un accordo con l’azienda produttrice dei pupazzi Hello Kitty per sfruttare il buffo gattino a fini commerciali.

(Continua su RivistaStudio.com)

Lascia un commento

Archiviato in pubblicità

Innovation Issue

Il New York Times Magazine di questa settimana, in uscita domenica, è tutto dedicato all’innovazione e ha quattro copertine diverse, per cui sono stati creati dei nuovi loghi per la testata, in modo da produrre quattro copertine totalmente diverse le une dalle altre, e dalle precedenti.

Delle otto “finaliste” le quattro vincitrici sono molto diverse tra loro, le potete vedere di seguito.

Ogni copertina è ispirata a una delle 32 innovazioni che nel futuro ci cambieranno la vita: 32 invenzioni dai gattini-robot all’alcol anti-sbronza che potete leggere quiQui invece l’art department del giornale spiega l’origine dell’innovation issue, e com’è stato progettato.

Lascia un commento

Archiviato in cover

La storia del libro, dalla roccia all’ebook

(via Brain Pickings)

Lascia un commento

Archiviato in ebook, Uncategorized

Droni, droni, droni

Sono tornato. Sì, sto bene.

Negli ultimi mesi mi sono appassionato ai droni militari e non, quei velivoli senza pilota che possono venire pilotati a distanza. Il tutto è sfociato in un articolo che trovate sul numero di Studio che in edicola e libreria in questi giorni (se non lo trovate, potete abbonarvi qui e ribellarvi al sistema con soli 30 euri all’anno). L’articolo si intitola “Ma i droni sognano civili elettrici?” e parla di come questi aggeggi stanno cambiando il concetto di guerra, le vite dei soldati e la diplomazia internazionale. È una storia lunga e niente spoiler.

Fine dello spot.

Quello che volevo dire è che per scrivere l’articolo ha letto parecchie cose che mi sono tenuto dentro per parecchi mesi e ora voglio condividere con il mondo, come sembra essere di obbligo in questo dannato interwebs. Di seguito una rassegna stampa sull’argomento. Baci.

  • “Ethics in robotics”, da International Review of Information Ethics, rivista dedicata all’etica e alla robotica (pdf) – link
  • Articolo per fanatici di robottoni e possibile loro rivolta in cui si parla di etica robotica (ne ho scritto anche qui) - link
  • Randy Rieland, “When Robot Got Morals”, Npr – link
  • Guglielmo Tamburrini, “Robot Ethics: A View from the Philosophy of Science” (pdf) – link
  • Intervista (video più trascrizione) a Peter Singer, autore del meraviglioso Wired for war (consigliato col cuore), realizzata da Big Think – link
  • Ronald C. Arkin, College of Computing, Georgia Tech, “An Ethical Basis for Autonomous System Deployment” (pdf): robot, esercito ed etica – link
  • Jane Mayer, “The Predator War”, The New Yorkerlink
  • “Can Unmanned Robots Follows the Laws of War”, Npr – link
  • Pir Zubair Shah, “My Drone War”, Foreign Policylink
  • Carina Chocano, “The Dilemma of Being a Cyborg”, The New York Times Magazinelink
  • Patrick Lin, “Drone-Ethics Briefing: What a Leading Robot Expert Told the CIA”, The Atlantic Monthlylink
  • P.W. Singer, “Military Robots and the Laws of War”, The New Atlantislink
  • Report on Operating Next-Generation Remotely Piloted Aircraft for Irregular Warfare (paper dell’Aeronautica Usa, pdf) – link
  • Gary Kamiya, “Hypnotized into an endless dirty war”, Salonlink
  • Farhad Manjoo, “I Love You, Killer Robots”, Slatelink

 

Lascia un commento

Archiviato in giornalismo

Studio 8

Bene, questa è la copertina del nuovo numero Studio che tra oggi e domani troverete in edicola e in libreria (qui ci sono tutti i particolari sulla distribuzione). Io scrivo una cosa sui droni militari, l’etica, le leggi e la guerra – di cui parlerò nei prossimi giorni su questi pixel – ma trovate moltissime cose che vi daranno assai gioia: scegliendo fior da fiore, un servizio su Internazionale (il settimanale), un bellissimo profilo su Massimiliano Gioni, uomo-copertina, un reportage da Torino e la storia dei miliardi che entrano ed escono da Kabul. E moltissimo altro, comunque (anche Alfonso Signorini). Trovate il sommario completo qui.

Ah. Gli abbonati e chi acquista la rivista a Roma e Milano troverà in allegato anche un DVD-chicca in cui Christian Rocca intervista il compianto Christopher Hitchens. Potete anche ordinarlo, se vi va.

Chi non lo compra è un grillino.

1 commento

Archiviato in giornalismo

Television rules the nation

La televisione sta cambiando, molto, sotto il peso di nuovi iniziative che corrono in rete, e non più via cavo-satellite ecc. Ne parlo oggi sul sito di Studio.

(A proposito, nei prossimi giorni esce il prossimo numero – ne parliamo a brevissimo. Stay tuned.)

Lascia un commento

Archiviato in televisione