Archivi tag: app

L’app di Longform

Uno screenshot dell'applicazione di Longform

Longform.org è uno dei siti migliori – insieme a Longreads – nello selezionare i migliori pezzi di giornalismo lungo lungo à l’americana. Grazie ad app come Instapaper, Read It Later e Readability è possibile salvare gli articoli e leggerseli con calma.

Ne abbiamo parlato a iosa, pure su Studio. La novità è che Longform sta lavorando a un’app per iPad, dice Poynter, che permetterà di navigare sul web senza dover tappare l’iconcina di Safari e, sempre senza dovere uscire dall’applicazione, di salvare gli articoli e leggerseli. Il tutto, ripetiamo rimanendo all’interno dell’app. Un aggregatore di articoli lunghi, il meglio dei magazine anglosassoni.

Come recita il claim del sito di Longform App: “The best writings on the web. Without the web”. Attendiamo con ansia e sapremo dire.

update

Ora l’app è disponibile sullo Store. Costa 4,99 dollari.

Lascia un commento

Archiviato in iPad

Come ti poni davanti al Read It Later?

Ultime news sulla questione longform journalism e nuovi media. Joshua Benton ha scritto un meraviglioso pezzo sul sito del Nieman Journalism Lab su come i “pezzi lunghi” stiano legittimando qualsiasi cosa nelle redazioni giornalistiche. Cose come: abbiamo un pezzo sui migliori ditali del mondo e su come le conchiglie possono essere usate come soprammobile ma abbiamo anche pezzi lunghi, eh!

Benton si chiede: ne vale la pena? I lettori percepiscono davvero questo gap tra le due cose? Per capirlo, ha chiesto e ottenuto da Read It Later (app simile a Instapaper) i dati sull’utilizzo del software da parte dei suoi utenti. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in giornalismo

Poynter dà ragione a Gootenberg

Noi lo diciamo da tempo (ne abbiamo parlato anche su Studio) ma ora arrivano conferme prestigiose: Poynter ha notato come i lettori di ProPublica siano sempre più interessati alle long stories. Merito delle nuove tecnologie e dei nuovi software (tablet e app come Instapaper, come dicemmo noialtri).

1 Commento

Archiviato in giornalismo

Come sono cambiati i magazine per iPad?

© Reuters (dall'Atlantic Wire)

L’ottimo Adam Clark Estes dell’Atlantic Wire ha scritto la storia di come le edizioni per iPad dei magazine si sono evolute e si stanno evolvendo). Dall’enriched PDF di Zinio a quelle cose spettacolarmente complicate à la Condé Nast. Pezzo che tira le fila di un discorso che portiamo avanti da parecchio.

1 Commento

Archiviato in iPad

Repubblica Sera

La versione serale-e-solo-per-iPad di Repubblica è un progetto interessante e dal modo in cui lo stanno promuovendo (nel sito c’è un contatore che dice da quanti minuti e secondi è attivo – ‘stica) è chiaro che il Gruppo L’Espresso ci stia puntando un bel po’. Solo non mi spiego perché per un giornale “nuovo” si sia scelto una veste grafica che sembra spuntare dal 1993.

1 Commento

Archiviato in iPad

Come monetizzare l’archivio storico di una rivista – il caso New Yorker

Il New Yorker è tra i magazine statunitensi (insieme alla rivista Atlantic Monthly) che meglio ha saputo sfruttare il web per aumentare lettori cartacei e non. L’app del settimanale va molto bene, così come il sito. In effetti si trattano di due prodotti ottimi e convenienti.

Cover per l'edizione dell'11 settembre 2006.

L’applicazione per tablet offre, oltre alla versione touch del giornale, anche degli interessanti speciali monografici: uno sulla tecnologia, uno sulle green technologies ecc. Sono gratuiti per gli abbonati o a pagamento per i comuni mortali (2,99 dollari). Sono complilation di articoli e saggi meravigliose e che, scrive Felix Salmon sul suo blog Reuters, rappresentano un modo innovativo per monetizzare il proprio archivio storico. Una di queste raccolte, “At the Ballpark”, tutta dedicata al baseball, conteneva titoli dal 1929 ad oggi.

Sempre per quelli che l’iPad-fa-male-ai-giornali.

Lascia un commento

Archiviato in editoria

Toh, l’app di Facebook per iPad

È un miraggio?

No, è reale. Facebook ha rilasciato la sua app ufficiale per iPad. Un tempismo perfetto, fosse due anni fa.

Della latitanza del social network sul versante tablet abbiamo parlato assai, spiegando come tale gap fosse stato colmato nel tempo da app non ufficiali che hanno fatto per mesi (anni) un buon lavoro. E a cui Facebook si è ispirata, pare.

C’eravamo anche augurati che Fb seguisse la strada di Twitter, la cui è app per tablet è fenomenale e tuttora insuperata. Avevamo tirato un sospiro di sollievo a fine luglio, quando TechCrunch pubblicò alcuni screenshot pirata (leaks) dell’app, che avevano potuto utilizzare grazie a un bug dell’applicazione Facebook per iPhone, quella cosa brutta che Gootenberg detesta tanto.

E dopo tanta attesa, oggi l’annuncio ufficiale. L’app, gratuita, è scaricabile dall’App Store. Spiace che Steve Jobs non abbia fatto in tempo a vederla. Vediamo alcuni screenshot insieme (spoiler alert: è proprio come ve la immaginate, no surprises).

La pagina di Gootenberg Blog su Facebook vista via app: nulla di nuovo ma tutto ottimizzato per il touch screen.

Toccando il tasto in alto con le tre linee orrizontali, si apre il menù a tendina sulla sinistra, che riproduce il classico menù di Fb.

Il prodotto è nuovo e appena uscito, è stato testato poco ma è possibile fare un paio di considerazioni: 1) Facebook è arrivata tardi con un’app normale. Ci si augurava che il ritardo fosse causato dal carattere rivoluzionario del progetto. E invece ecco un’applicazione classica, normale, vorrei ma non posso. 2) Quella di Twitter rimane migliore.

Voto. 6,5. C’avete i miliardi e il personale per spaccare il mondo. Avete preferito fare una versione ufficiale di Friendly. Hungry and foolish una bella mazza.

update 12/10/2011

Non sono l’unico a essere deluso, a quanto pare: “Facebook’s iPad App Is Here and I’m Bored Already“, Techland.

 

Lascia un commento

Archiviato in iPad