LongRead, LongForm e ovviamente Sasha Grey

Si sta diffondendo, è ufficiale. Dopo un decennio di crisi gli articoli lunghi lunghi all’amerregana stanno conoscendo nuova vita. Secondo Gootenberg, anche grazie a Instapaper — ma questa è un’altra storia.

Segnaliamo Mother Jones, magazine a cui collabora come blogger Mark Armstrong, fondatore di Longreads. Ogni settimana il sito, come Daily Beast fa da molto, propone cinque imperdibili, torrenziali articoli dall’archivio del sito.

Slate continua a fare il selettore, mestiere che gli riesce piuttosto bene (come previsto da Luca “Deejay” Sofri). Dopo gli album tematici di foto Magnum, il sito di news americano propone anche le selezioni settimanali di articoloni tratti da LongForm (altro sito di cui parlammo a long time ago), anch’essi selezionati sulla base di un topic preciso. Questa settimana, attenzione attenzione, si parla di pornografia e Sasha Grey.

Che Slate stia utilizzando il metodo Gootenberg per aumentare le proprie visite?

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

1 Commento

Archiviato in giornalismo, new media

Una risposta a “LongRead, LongForm e ovviamente Sasha Grey

  1. Pingback: Come volevasi dimostrare / 4: Slate e LongForm « GOOTENBERG

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...