Quando si esagera con World of Warcraft

Prigionieri cinesi di giorno. Di notte, costretti dai secondini a giocare online (dovevano fare sempre le solite azioni, facile) per accumulare credits che i loro sfruttatori si sarebbero poi scambiati per denaro. Lo denuncia Liu Dali, ex-prigioniero. Una storia folle, DA LEGGERE, sul Guardian.

Lascia un commento

Archiviato in brevi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...