Il Corano è un libro green, forse

Saranno i seguaci di Maometto a salvarci dal riscaldamento globale che da decenni asfissia il nostro pianeta? Pare che la risposta sia affermativa, almeno in parte. Secondo Good Magazine, infatti, l’ambientalismo sta facendo breccia presso una parte della popolazione musulmana. La quale ha dalla sua parte il Corano stesso, che in un passo afferma che “la corruzione è apparsa sulla Terra” come conseguenza delle cose fatte dagli uomini, e che le eventuali ripercussioni subite sono in realtà segnali divini atti a farli rendere conto dei loro errori “e riportarli sulla retta via”. Il fulcro del discorso sta proprio nel termine “corruzione“: secondo alcuni studiosi, infatti, il termine sta ad indicare l’inquinamento. Precisamente, l’Imam Zaid Shakir, sostiene che le più recenti traduzioni del Corano relazionano la “corruzione” alla siccità, ad una pesca povera e altri fenomeni legati all’ambiente.

“In una parola,” riassume provocatoriamente Good, “al riscaldamento globale”.

Ma non è solo il Corano ad alimentare l’animo ambientalistico di molti musulmani. Secondo questa religione, infatti, la comunità di credenti è libera (spesso costretta) a vagare per il mondo, allontanandosi dalla Madre Patria. A confortarli vi è il concetto di umma, ovvero Nazione, la comunità mondiale dei musulmani. Questo unitarismo, oltre ad avvicinare i devoti ad Allah ovunque essi siano, favorisce l’attenzione e il rispetto per la Terra, la casa di tutti i fedeli.

Nell’Islam, la Terra è una moschea. Le moschee sono sacre, devono essere tenute pulite e usate per il culto del Creatore. Se la Terra è una moschea, anch’essa è sacra e deve restare pura allo scopo d’utilizzarla per il culto. Il modo in cui trattiamo il pianeta è lo specchio di come trattiamo noi stessi.

Parole che stupiscono e che, al netto del misticismo che le pervade, sembrano provenire da Al Gore.

In tutto questo c’è anche del sano business. Nel luglio scorso la Photovoltaic Products Plus, una compagnia di musulmani africani e americani, ha stretto un accordo con il governo della Sierra Leone per installare nelle strade del paese luci stradali ad energia solare. Un progetto che li ha resi ottimisti per il futuro: di certo, però, c’è ancora molto da fare.

Ma l’importante è cominciare: poco importa se si ha alle spalle una religione o un laico senso civico. Intanto, i green muslims sono una realtà. Un consiglio per gli atei o i credenti a tutte le altre religioni: cominciare a pensare alla Terra come alla nostra casa non è per niente un modo sbagliato di vedere le cose e non può che farci del bene. È un pensiero semplice, ma, come tutti i pensieri semplici, può rivelarsi rivoluzionario.

Fidatevi: queste sono le stesse persone che hanno inventato l’algebra.

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Lascia un commento

Archiviato in progresso

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...