Giornali per iPad a confronto: “la vita nòva” vs “TuttoLibri”

Mentre Rupert Murdoch (col The Daily) e Richard Branson (boss della Virgin, con The Project) cominciano a segnare la strada delle pubblicazioni solo per iPad, anche l’Italia si muove. Poche proposte – quelle che vedremo di seguito – ma valide. L’idea di giornale iPad-only sembra interessare anche i magnati di media e simili, segno che l’orrizonte è vasto e tutto da esplorare. Vediamo che succede nel Belpaese.

la vita nòva (il Sole 24 Ore)

Sorta di rivisazione in chiave tablet dell’inserto nòva del Sole, il magazine, il cui primo e finora ultimo numero è uscito poco più di un mese fa, ha portato in Italia una tecnologia meravigliosa e affascinante. Il prodotto, elementare nella sua fruizione e graficamente ottimo, deve molto alla versione iPad di Wired USA (qui il video), gioiellino tuttora insuperato e faro mediale per tutto il mondo. A Nòva lo hanno capito. E si vede.

1. Cosa va

Il menù in alto a destra (che compare con una doppia tappata sullo schermo) è la bussola del giornale: contiene due tipi di indici, il tasto share, quello per i commenti e i bookmarks. Ad affascinare è il primo tipo di indice, una texture di foto, grafiche e immagini da scorrere sullo schermo, una mappa di link che ha dell’artistico e destabilizza la gerarchia del giornale proponendo i vari articoli in modo random.

Come si vede nel video di seguito, la multimedialità è sfruttata sapientemente, soprattutto nelle infografiche e nei grafici, che possono essere impostati dall’utente e prendono vita, animandosi.

2. Cosa non va

Uscito il primo numero, il magazine ha sorpreso molto e creato istantaneamente un vasto seguito di aficionados. Ma la tribù di nòva sta ancora aspettando la seconda uscita e comincia a sentire puzza di esperimento ben riuscito ma non continuativo. Attendiamo con ansia sviluppi e aggiornamenti sul progetto.

Voto 8,0

TuttoLibri (la Stampa)

La schermata-indice del primo numero di TuttoLibri per iPad

Un bel prodotto, chiaro e basato su uno (scarso) indice-collage simile a quello di nòva. Ogni foto un link. App veloce e graficamente ben fatta. contenuti di qualità ripresi dall’inserto culturale cartaceo del quotidiano torinese.

1. Cosa va

Il tentativo di adeguarsi al touchscreen, l’uso (a volte eccessivo, ma si sa, in questi casi si sperimenta) di bottoni su ogni articolo. Ogni intervista (il primo numero ospitava quella a Furio Colombo, in quello di questa settimana a Umberto Eco) è provvista di video e audio, ottimi per ricreare in miniatura il rapporto tra intervistato e intervistatore. Per avvicinare il lettore al terribile mondo dei faccia-a-faccia.

A differenza di nòva, l’uscita è fissa e settimanale.

2. Cosa non va

Ne ha parlato anche Alessandro Bonino su Phonkmeister.com, ironizzando sul tono della presentazione del giornale:

“Arriva Tuttolibri per iPad – LASTAMPA.it”, ed ecco, è vuota. Animazioni e immagini, il gioco dei quindici di Pasolini, e bon, zero contenuti. Complimenti. Dopo mesi di lavoro. L’App, per il momento, è totalmente inutile. E francamente mi dispiace.

Certo, ci si aspettava di più, ma definirla inutile è eccessivo. Di certo è un esercizio di stile di qualche programmatore e grafico: un esercizio a costo piuttosto mantenuto, visto che da pagare devono esserci solo gi sviluppatori – gli articoli sono del cartaceo.

In effetti la rivista dà l’idea di un’occasione mancata, uno sforzo innovativo sfociato in nulla di diverso e quindi utile. Rimane la consolazione degli articoli, certo, ma per quello c’era il giornale classico.

Voto 6,0

Commento: “il ragazzo è bravo ma non s’impegna”

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

3 commenti

Archiviato in giornalismo, iPad, Uncategorized

3 risposte a “Giornali per iPad a confronto: “la vita nòva” vs “TuttoLibri”

  1. Pingback: La nuova “Domenica” del Sole 24 Ore e altre cosine al riguardo « GOOTENBERG

  2. Pingback: I migliori (e peggiori) giornali per iPad « GOOTENBERG

  3. Pingback: PUFF. Il mercato delle news app è già in crisi? « GOOTENBERG

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...